ARIA PULITA : Regione Lombardia con la DGR 5656/2016 e le stufe ad Accumulo secondo UNI EN 15544

ariapulita

ARIA PULITA : Regione Lombardia con la DGR 5656/2016 e le stufe ad Accumulo secondo UNI EN 15544

Nel decreto DGR 5656/2016 non è specificato il dettaglio delle stufe ad accumulo perchè le stufe ad accumulo secondo UNI EN 15544 non possono essere stellate.

Le stelle previste dal sistema ARIA PULITA vengono assegnate alla singola linea di generatori, prodotti di serie, in base ai rilievi di emissioni di ossidi e polveri misurate con un criterio definito, in laboratorio certificato.

Per quanto riguarda le stufe ad accumulo secondo UNI EN 15544 , un po' come la marcatura CE, non sono sottoposte per ovvi motivi di misura, in laboratorio.

Non essendo rientranti nel decreto, non hanno l'obbligo di fermo in caso di superamento dell'inquinamento.

Questo fatto è stato specificato dalla Regione Lombardia con la DGR 5656/2016 dove, alla voce Proposta di classificazione, scrive quanto segue:

Sono oggetto di classificazione ambientale le seguenti categorie di generatori di calore, aventi una potenza termica nominale inferiore a 35 kW, conformi alle norme UNI EN associate a ciascuna categoria ed alle successive modifiche di tali norme:

– Camini chiusi, inserti a legna: UNI EN 13229 – Inserti e caminetti aperti alimentati a combustibile solido – Requisiti e metodi di prova;

– Caminetti aperti: UNI EN 13229 – Inserti e caminetti aperti alimentati a combustibile solido – Requisiti e metodi di prova;

– Stufe a legna: UNI EN 13240 – Stufe a combustibile solido – Requisiti e metodi di prova;

– Stufe ad accumulo: UNI EN 15250 – Apparecchi a lento rilascio di calore alimentati a combustibili solidi – Requisiti e metodi di prova;

– Cucine a legna: UNI EN 12815 – Termocucine a combustibile solido – Requisiti e metodi di prova;

– Caldaie: UNI EN 303-5 – Caldaie per riscaldamento – Parte 5: Caldaie per combustibili solidi,con alimentazione manuale o automatica;

– Stufe, inserti e cucine a pellet – Termostufe: UNI EN 14785 – Apparecchi per il riscaldamento domestico alimentati con pellet di legno – Requisiti e metodi di prova.

Se notate non c'è la stufa ad accumulo UNI EN15544 ma solo la EN15250.

Questa è una ottima notizia di chiarmento che Nadia Pozzato ha fornito su Ns richiesta , tuttavia diventa sempre più importante che le stufe ad accumulo vengano progettate , calcolate e costruite proprio secondo la norma di rifermento Uni EN 15544 a cui il PROGRAMMA DI CALCOLO fa riferimento.

Invito Tutti ad eseguire analisi di combustione delle stufe che costruiamo , prendiamoci impegno di misurare almeno 5 impianti ogni anno e inviare in segreteria assieme al progetto e al calcolo dei giri di fumo , abbiamo bisogno di dati certi e riscontrabili da fornire. Nella commisione tecnica in UNI 10389-2 abbiamo tracciato le linee guida per le misurazioni in campo , visto che non esiste una norma di riferimento specifica.

La Bozza di norma UNI EN 10389-2 prevede di eseguire la prova con stufa a regime, dopo la terza carica nominale e ad una determinata posizione e distanza dall'imbocco al camino…Come delegato Assocosma in UNI ho fatto presente le difficoltà e i tempi che questo comporta, tuttavia da tecnico mi rendo conto che sono condizioni minime e necessarie per la attendibilità dei risultati. Cominciamo a prevedere punti di prelievo fumi e prelievo polveri nelle nostre stufe, ci torneranno utili in futuro. Non saremo immuni per sempre alle misurazioni e alle verifiche..

Ognuno deve fare qualcosa per il futuro del nostro mestiere, non è piu tempo di lamentarsi .

Ricordo a tutti importanza di essere tecnici e precisi , tuttavia la stufa ad accumulo viene percepita dal cliente finale con un approccio Emozionale . A tal proposito Assocosma sta raccogliendo adesioni per la creazione di un video professionale da poter personalizzare per ogni fumista e da usare su tutte le piattaforme di comunicazione web, social, tv , cinema, ecc.

Contattate la segreteria per le conferme, più siamo , meno ci costerà.

Un fraterno saluto

Piero Massignani

Resp. Comitato Tecnico Scientifico di Assocosma